Wall Street chiude in lieve rialzo

Wall Street in lieve rialzo. Aggiornamento sui mercati e agenda macro a cura di UniCredit

Wall Street ha chiuso ieri in rialzo, con Dow Jones +0,12%, S&P500 +0,19% e Nasdaq100 +0,17%, in attesa della minute della Fed, con gli investitori che hanno preferito puntare sugli acquisti e terminare in positivo. Pfizer (1,01%) e DuPont (0,87 %) hanno trainato il Dow Jones, davanti a Johnson & Johnson (0,80%), Verizon (0,78%), Chevron (0,66%) e American Express (0,58%). In particolare controtendenza Cisco System (-1,29%) dopo le indiscrezioni su un consistente taglio del personale.

Tokyo chiude in deciso ribasso
La borsa di Tokyo ha chiuso in deciso calo (Nikkei -1,55%) indebolita dall’apprezzamento della valuta nazionale. Inoltre l’aspettativa di acquisto di Etf da parte della banca centrale giapponese potrebbe contribuire a limitare del mercato. In particolare ribasso le società esportatrici con Nissan Motor e Toyota Motor in calo rispettivamente del 2,56% e dell’1,76%. In controtendenza l’operatore di discount store Don Quijote Holdings (+1,6%) che ha annunciato di attendersi un aumento del 4,2% dell’ebit a JPY45 mld, nell’anno che si è concluso a giugno. Al momento Hong Kong +1,06%, Shangai -0,38%.

Dollaro sui minini delle 7 settimane
Eur/Usd 1,1311. Biglietto verde sui minimi delle 7 settimane nei confronti delle principali valute. A pesare la minute della Fed che ha evidenziato un numero dei favorevoli al rialzo dei tassi inferiore a quelli contrari.

Petrolio wti poco mosso
Quotazione del petrolio wti in calo sulle piazze asiatiche a USD46,9 al barile, con gli investitori che si attendono una produzione record da parte dell’Arabia saudita.

Obbligazionario
Il Bund future settembre ha aperto stamane in rialzo di 43 tick a 167,38 lo spread Btp/Bund 10y è a 117 pts, con il rendimento del decennale italiano all’1,09%.

Agenda macro
L’agenda macro di oggi prevede in mattinata la diffusione del dato sulle vendite al dettaglio in Gran Bretagna e il dato aggregato Zona Euro sulle partite correnti e sull’inflazione. Nel pomeriggio negli Stati Uniti verranno rese note le richieste di sussidi di disoccupazione settimanali e il leading indicator riferito al mese di luglio.

Rocki Gialanella
Laurea in Economia internazionale presso l’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’. Ho abbracciato il progetto FondiOnline.it nel 2001 e da allora mi sono dedicato allo sviluppo/raggiungimento del target che ci eravamo prefissati: dare vita a un’offerta informativa economico-finanziaria dal linguaggio semplice e diretto e dai contenuti liberi e indipendenti. La storia continua con FONDI&SICAV.
Advertisement