Wall Street ha chiuso in calo ieri

Wall Street ha chiuso in calo ieri. Aggiornamento sui mercati e agenda macro a cura di UniCredit

Wall Street ha chiuso in calo ieri, interrompendo così la sequenza di risultati positivi delle ultime sedute. I principali indici: Dow Jones -0,12%, S&P500 -0,26% e Nasdaq100 -0,32%. Gli investitori hanno preferito non correre grossi rischi prima del discorso di Trump al Congresso. Stimoli contrastanti sono giunti dal fronte macroeconomico: da una parte il Pil finale del 4Q2016 ha registrato un +1,9%, sotto il +2,1% atteso, mentre il Chicago PMI, indicatore del settore manifatturiero è balzato ai massimi da 2 anni e la fiducia dei consumatori ai massimi dal 2001. Previste oggi le trimestrali di Best Buy, Mylan Labs, Broadcom, Shake Shack, Planet Fitness, Lowe’s, Windstream.

Borsa di Tokyo
La Borsa di Tokyo ha chiuso in deciso rialzo (Nikkei +1,44%) grazie agli esportatori che hanno beneficiato dell’indebolimento dello yen, mentre pochi spunti sono arrivati dal discorso di Trump, che non ha detto sostanzialmente nulla di nuovo sui suoi piani relativi alle politiche di stimolo per l’economia statunitense. Da segnalare Shiseido (+3,9%) che ha comunicato che il ministero giapponese della Salute ha certificato l’efficacia di una sostanza che aiuta a ridurre le rughe. Hong Kong al momento +0,18% e Shanghai +0,15%.

Cambio Eur/Usd
Eur/Usd a quota 1,054. Il dollaro mantiene la sua forza rispetto all’euro e allo yen con i policy-maker della Fed che alimentano le attese di un rialzo dei tassi in marzo, mettendo in ombra le perplessità destate dal discorso di Trump che, come temuto, non ha offerto molti dettagli sul programma di stimolo.

Petrolio Wti
Petrolio Wti a quota USD53,9 al barile. Greggio poco mosso dopo che Trump si è astenuto dall’offrire grandi dettagli sui piani dell’amministrazione relativi a produzione e offerta. L’EIA pubblica le scorte settimanali di prodotti petroliferi.

Obbligazionario
Il Bund future marzo ha aperto stamane in calo di 27 tick a 165,78. Lo spread Btp/Bund 10y è sceso a quota 188 pts, con il rendimento del nostro decennale al 2,12%. Attivi oggi sul primario Germania e Grecia.

Agenda macro
L’agenda macro di oggi prevede il Pmi manifatturiero di febbraio dell’Eurozona e dei singoli paesi della zona Euro, tra cui l’Italia. Inoltre, verrà diffuso il rapporto deficit/Pil 2016 italiano e l’offerta di moneta M4 della Gran Bretagna di gennaio.

Advertisement