Wall Street ha chiuso in lieve rialzo

Aggiornamento sui mercati e agenda macro a cura di UniCredit

Wall Street ha chiuso in rialzo ieri, con Dow Jones +0,42%, S&P500 +0,62% e Nasdaq100 +0,91%, con i prezzi al consumo che sono aumentati a settembre meno di quanto atteso, facendo incrementare l’aspettativa degli investitori che la Fed procederà molto gradualmente con il ciclo di rialzo dei tassi. Goldman Sachs (+2,2%) ha annunciato per lo scorso trimestre un utile di USD4,88 per azione, sopra al consensus di USD3,82 per azione. UnitedHealth (+6,9%) ha annunciato una trimestrale migliore delle attese degli analisti ed alzato le sue previsioni per l’intero esercizio. Netflix (+19,1%) ha registrato lo scorso trimestre una crescita degli utenti fuori dagli Stati Uniti molto sopra le attese degli analisti. Attese in giornata le trimestrali di American Express, Morgan Stanley, US Bancorp, eBay, Abbott Labs, Halliburton, St. Jude Medical, Tractor Supply, Citrix.

Borse asiatiche poco mosse
La Borsa di Tokyo ha chiuso in lieve rialzo (Nikkei +0,21%), sostenuta dalla performance di Wall Street e dalla conferma dei dati sul Pil cinese, cresciuto come previsto dalle stime degli analisti. Anche se l’attenzione degli investitori è ancora rivolta all’andamento del cambio fra il dollaro e lo yen. Hong Kong al momento perde circa lo 0,38%, Shanghai pressoché invariata.

Dollaro si allontana dai massimi
Eur/Usd a 1,0977. Il biglietto verde si allontana dai massimi di sette mesi contro un paniere di valute dopo che i dati macro diffusi ieri negli Stati Uniti spingono gli investitori a ridurre le scommesse su un rialzo dei tassi entro la fine dell’anno.

Petrolio wti in rialzo stamane
Petrolio Wti in rialzo dello 0,97% stamane a USD50,78 al barile, sostenuto dal calo delle scorte Usa, dalla produzione in Cina e del comunicato Opec sul previsto taglio della produzione.

Agenda macro
L’agenda macro prevede in mattinata nel Regno Unito la diffusione del dato sulla disoccupazione ad agosto mentre nel pomeriggio negli Stati Uniti verranno resi note le costruzioni di case nuove, le nuove licenze edilizie e infine, le scorte settimanali di greggio.

Obbligazionario
Il Bund future dicembre ha aperto stamane invariata a 163,74 lo spread Btp/Bund 10y è a 142 pts, con il rendimento del decennale italiano all’1,45%.

Advertisement