Wall Street in leggero rialzo ieri

Wall Street in leggero rialzo ieri. Aggiornamento sui mercati e agenda macro a cura di UniCredit

Wall Street ha chiuso in lieve rialzo ieri. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,19%, lo S&P500 lo 0,02% e il Nasdaq100 lo 0,35% al termine di una seduta priva di importanti impulsi. I petroliferi sono scesi sulla scia dei prezzi del greggio. General Motors ha perso il 4,7% dopo un outlook deludente, mentre il leader dei farmaci generici Teva ha perso il 6,3% dopo l’annuncio delle dimissioni dell’attuale Ceo. Previste oggi le trimestrali di Time Warner, Whole Foods, Prudential Financial, Humana, Allergan, Suncor, Lions Gate, Owens Corning, Level 3 Communications, Jacobs Engineering e Goodyear Tire & Rubber.

Giappone: bilancia commerciale
A dicembre il surplus delle partite correnti giapponesi si è attestato a JPY1.112,2 mld, al di sotto delle attese di 1.294,5 mld. Si tratta del settimo mese consecutivo di incremento a perimetro annuo.

Borsa di Tokyo
La Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo (Nikkei +0,51%) una seduta contrastata in scia alla volatilità del mercato valutario e in attesa dell’incontro tra Trump e il primo ministro Shinzo Abe che si terrà in settimana. Asahi Glass (+9,1%), primo produttore giapponese di vetro, ha alzato le sue stime per l’intero esercizio e annunciato un programma di buyback. Mitsubishi Chemical Holdings (+5,1%), impresa petrolchimica giapponese, ha annunciato una trimestrale migliore delle attese. Il maggiore azionista di Fujitsu (-3,8%) ha annunciato la vendita di suoi titoli per circa USD1 mld. Hong Kong al momento +1,76% e Shanghai +0,46%.

Cambio Eur/Usd
Eur/Usd a 1,066. Euro ancora in calo sulla scia dei timori per i numerosi appuntamenti elettorali del 2017 in Europa, anche se i guadagni del dollaro vengono limitati dalle preoccupazioni legate alle politiche protezionistiche del presidente Usa Donald Trump.

Petrolio Wti
Petrolio Wti a USD51,7 al barile. Prezzi in calo sui timori di un eccesso di produzione a causa dell’incremento delle scorte Usa, fotografato dai dati Api, e di un calo della domanda di greggio da parte della Cina. L’EIA comunicherà le scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti.

Obbligazionario
Il Bund future marzo ha aperto stamane in rialzo di 15 tick a 163,53. Lo spread Btp/Bund 10y è tornato sopra quota 200 pts, con il rendimento del nostro decennale al 2,36%. Attivi sul primario Germania, Grecia, Portogallo e Stati Uniti. Il Tesoro offre EUR3 mld di titoli di Stato a 10 anni, scadenza 15/02/2027 e annuncia quantitativo Btp in asia il 13 febbraio.

Agenda macro
Altra giornata poco movimentata sul fronte macroeconomico. Previste in giornata la produzione industriale spagnola di dicembre e il tasso di disoccupazione dell’ultimo trimestre 2016 del Portogallo. Seguirà nel pomeriggio l’indice MBA sulle richieste mutui negli Stati Uniti.

Advertisement