Wall Street mista ieri in chiusura

Wall Street mista ieri in chiusura. Aggiornamento sui mercati e agenda macro a cura di UniCredit

Wall Street ha chiuso contrastata ieri, con Dow Jones -0,03%, S&P500 +0,19% e Nasdaq100 +0,66%. La riforma della sanità promossa dalla nuova amministrazione Usa e che dovrebbe sostituire l’Obamacare viene messa al voto oggi dal Congresso. Una certa avversione al rischio è stata determinata sui mercati dai dubbi sulle politiche fiscali di Trump, risentendo proprio dell’appuntamento sulla nuova riforma: gli investitori temono che una bocciatura di questa nuova riforma, tanto sostenuta da Trump, rappresenterebbe un problema per i promessi tagli alle tasse che si spera determinino crescita, inflazione e strette monetarie. Previste oggi le trimestrali di Accenture e Micron Technology.

Borsa di Tokyo
La Borsa di Tokyo ha chiuso in leggero rialzo stamane (Nikkei +0,23%) con la debolezza dello yen che ha aiutato a contenere gli effetti di uno scandalo politico che coinvolge la moglie del primo ministro giapponese (la moglie di Shinzo Abe avrebbe donato JPY1 mln a una scuola nazionalista giapponese). Nintendo, dopo il forte rialzo registrato in corso di seduta in seguito alla notizia che BlackRock possiede un pacchetto di oltre il 5% della società, ha perso il 2,1% sulle prese di profitto. Al momento Hong Kong segna -0,7% e Shanghai +0,11%.

Cambio Eur/Usd
Eur/Usd muove poco sotto quota 1,08. Lieve ripresa del dollaro, che sale dai minimi da 4 mesi toccati contro lo yen dopo 7 giorni consecutivi di calo. Tuttavia, ogni slancio della valuta Usa è limitato dai dubbi sulla capacità di Trump di portare a termine le riforme promesse.

Petrolio Wti
Petrolio Wti in lieve rialzo USD48,3 al barile. Prezzi del greggio in rimbalzo dai minimi da novembre, ma il mercato resta sotto pressione con il rialzo delle scorte Usa e il rialzo della produzione che hanno offuscato gli sforzi Opec di taglio all’offerta.

Obbligazionario
Il Bund future giugno ha aperto stamane in calo di 8 tick a 160,12. Lo spread Btp/Bund 10y staziona a quota 204 pts, con il rendimento del nostro decennale al 2,45%. Oggi il Tesoro annuncia i quantitativi di Ctz e Btpei in asta 28 marzo.

Agenda macro
L’agenda macro di oggi prevede le vendite al dettaglio britanniche del mese di febbraio e a seguire nel pomeriggio il dato sulla fiducia dei consumatori dell’Eurozona di marzo. Dagli Stati Uniti, attesi nel pomeriggio i numeri riguardanti le nuove richieste settimanali di sussidi di disoccupazione e le vendite di nuove case di febbraio.