Wall Street piatta nella seduta di ieri

Aggiornamento sui mercati e calendario macro a cura di UniCredit

Wall Street ha chiuso piatta nella giornata di ieri, con i principali indici che hanno chiuso la seduta poco sotto la parità. Lo S&P500 ha chiuso a -0,05%, il Dow Jones a -0,1% e il Nasdaq100 in ribasso dello 0,13%. Protagoniste della seduta di ieri sono state le parole dell’amministrazione Trump che ha presentato un piano di riforma fiscale che prevede una drastica riduzione delle tasse, a spese del bilancio federale. Per quanto riguarda le imprese, è prevista una riduzione dell’aliquota al 15% dall’attuale 35% e un non meglio precisato sconto per le imprese che riportano negli Usa gli utili dichiarati offshore. Con riferimento ai singol risultati societari, Procter & Gamble ha chiuso la seduta perdendo circa il 2,5% dopo aver pubblicato i dati di trimestre che hanno evidenziato utili in calo dell’8%.

Borsa di Tokyo in ribasso
La Borsa di Tokyo oggi ripiega dai massimi per i dubbi suscitati dalla nuova politica fiscale americana, dopo che ieri il presidente Usa Donald Trump ha annunciato la riduzione delle imposte per le imprese introducendo un’aliquota unica, molto bassa, al 15%. In questo contesto il Nikkei cede lo 0,19%. Tra le altre piazze asiatiche Hong Kong perde lo 0,68% mentre Shanghai fa segnare +0,23%.

Cambi
Cambi: Eur/Usd stabile in area 1,09, con gli investitori che rimangono in attesa di conoscere le mosse della BCE nonostante non siano attese importanti novità sui tassi e sul Qe. Sul fronte estero recuperano terreno il dollaro canedese e il peso messicano, dopo che Trump ha chiarito di non avere intenzione di uscire dall’accordo di libero scambio con i due paesi nordamericani ma di volerlo rinegoziare.

Commodities
petrolio Wti stabile a quota USD49,35 al barile. Le quotazioni del greggio sono appesantite dai perduranti timori sull’eccesso di offerta, sebbene i trader ritengano che i prezzi abbiano trovato supporto attorno agli attuali livelli, dopo la discesa marcata delle ultime settimane.

Obbligazionario
Obbligazionario: il Bund future di giugno ha aperto questa mattina in calo di 2 tick a 161,25. Lo spread Btp/Bund 10y è a quota 195 pts, con il rendimento del nostro decennale al 2,33%. Nella giornata odierna il Tesoro offre 3-3,5 mld di Ccteu; 2-2,5 mld di Btp a 5 anni e 2,25-2,75 mld di Btp a 10 anni. Attivi sul primario anche gli Stati Uniti.

Calendario Macro
giornata ricca di spunti dal lato macro. In mattinata attesi gli indici di fiducia dei consumatori e delle imprese per l’Eurozona e per i singoli paesi membri. Nel pomeriggio in arrivo dagli Stati Uniti altri le nuove richieste settimanali di sussidi di disoccupazione e le vendite immobiliari. Prevista anche la press conference della BCE.

Advertisement