Borse asiatiche positive

Aggiornamento sui mercati a cura di UniCredit

Apertura in rialzo per le borse EU

Apertura in rialzo per le borse europee, con Piazza Affari in rialzo di circa un punto percentuale nelle prime battute. In buon rialzo i titoli bancari, Enel, A2A, Nexi, Leonardo, Prysmian e Telecom.

Petrolio in rialzo

Positivi stamane i derivati sul greggio, in vista di possibili novità dalla riunione dei ministri dei paesi esportatori Opec e non-Opec. I Paesi dovranno decidere se modificare o confermare l’attuale incremento mensile di 400.000 barili al giorno. Nel pomeriggio il consueto dato settimanale Eia sulle scorte Usa. Il futures sul Brent sale di 46 centesimi a USD 72,09 al barile e il futures sul Nymex viaggia in rialzo di 47 cent a USD 68,97.

Euro Dollaro a 1,1815

Sul mercato dei cambi, dollaro inchiodato sui minimi delle ultime tr3e settimane in attesa dei numeri macro di venerdì sugli occupati mensili di agosto. Il cross euro/dollaro è a 1,18,15, euro/yen a 130,04 mentre il dollaro contro yen scambia a 110,24 (in rialzo di 0,2%).

Agenda finanziaria

L’agenda macro di oggi prevede l’indice Pmi manifatturiero di Italia, Germania, Francia, Gran Bretagna ed Eurozona. In uscita anche la disoccupazione in Italia e nell’Eurozona e le immatricolazioni auto in Italia. Dagli Stati Uniti giungeranno il sondaggio Adp dei nuovi occupati nel settore privato, come anticipazione dei dati sul mercato del lavoro di venerdì, e gli indici Pmi e Ism per il settore manifatturiero.

Obbligazionario

Paragone per l’apertura di questa mattina 0,71% (record dalla seconda metà di luglio) per il rendimento del decennale agosto 2031, 109 punti base per il premio al rischio tra Btp e Bund sempre sul tratto a 10 anni.

Borse asiatiche positive

Giornata positiva stamane per i listini asiatici, con Tokyo che ha guadagnato l’1,25%, Hang Seng e Shanghai +0,55%. In Cina l’indagine Caixin sul comparto manifatturiero di agosto segna la prima contrazione da aprile dell’anno scorso. Nella seconda lettura l’indice Pmi passa a 49,2 pts, in calo di oltre un punto rispetto al 50,3 di luglio e al 50,2 delle attese. In Giappone il Pmi manifatturiero si attesta a 52,7 pts, tre decimi oltre la prima stima ma al di sotto di 53,0 di luglio.

Wall Street chiude poco Wall Street

Seduta con variazioni poco marcate, quella di ieri, per le principali borse statunitensi, con il Dow Jones ha registrato un calo dello 0,11% mentre l’S&P500 ha evidenziato una flessione dello 0,13%. In lieve rosso il Nasdaq, in calo dello 0,04%. Dal fronte societario, male il titolo Zoom Video, crollato del 16,69% dopo che la società di software per videoconferenze, il cui successo è aumentato in modo esponenziale durante i lockdown della pandemia, ha comunicato un bilancio migliore delle attese, ma in rallentamento rispetto al trimestre precedente. Focus anche sul titolo Alphabet, la holding a cui fa capo Google, il cui titolo ha testato ieri un nuovo record storico che ha portato la società a un passo dalla capitalizzazione di mercato di USD2 trilioni, soglia già superata da Apple e Microsoft.

Advertisement