Home Dal mondo Borse europee in rialzo

Borse europee in rialzo

0
Borse europee in rialzo

Apertura in positivo per le borse europee, con Piazza Affari a +0,10% e i principali indici EU che guadagnano circa lo 0,30% nelle prime battute. Aggiornamento sui mercati a cura di UniCredit

Wall Street chiude in leggero rialzo

I principali indici azionari statunitensi hanno terminato la seduta con variazioni frazionali. Il Dow Jones ha registrato un progresso dello 0,41%, mentre l’S&P500 ha guadagnato lo 0,12%. Segno meno, invece, per il Nasdaq a -0,01%. Giornata decisamente positiva per Ford Motor a +7,05%, dopo che alcune banche d’affari hanno incrementato il prezzo obiettivo sul gruppo automobilistico.Tra i titoli in evidenza Abercrombie & Fitch a +7,24%. Il retailer d’abbigliamento ha comunicato per il primo trimestre del suo esercizio il rimbalzo delle vendite nette del 61% annuo. Boeing a +3,80% in scia al rally della rivale Airbus alla Borsa di Parigi. Il colosso aerospaziale europeo ha alzato gli obiettivi di produzione.

Borse asiatiche in rialzo

In salita l’azionariato asiatico, con l’indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo che balza di oltre il 2%. La borsa di Shanghai sale dello 0,24%, la borsa di Hong Kong avanza dello 0,65%. Bene anche Sidney +1,28% e Seoul +0,98%. Assist positivo alle borse asiatiche anche dalla chiusura positiva di Wall Street, che ieri ha reagito bene sia alla pubblicazione della lettura del Pil Usa del primo trimestre. Sul fronte macro, la Bank of Japan ha annunciato di star considerando l’opzione di estendere di altri sei mesi le misure di emergenza lanciate per arginare gli effetti economici del Covid-19. Nel mese di aprile il tasso di disoccupazione del Giappone è salito dello 0,2% al 2,8%, riportando il primo rialzo degli ultimi sei mesi, a causa del nuovo stato di emergenza dichiarato dal governo di Tokyo per combattere la quarta ondata della pandemia Covid-19.

Stimoli Fiscali Usa

Sul fronte americano, il presidente Joe Biden dovrebbe proporre oggi una manovra economica da USD 6.000 mld per l’anno fiscale 2022, dopo il massiccio stimolo fiscale già introdotto e mentre si cerca un accordo politico su un importante programma di infrastrutture. Si tratterebbe del più corposo pacchetto di spesa dalla Prima Guerra Mondiale, in base al quale il deficit degli Stati Uniti per il prossimo decennio ammonterebbe a oltre USD 1.300 mld, con il Tesoro costretto ad inondare il mercato con maggiore debito per finanziare il bilancio.

Petrolio in rialzo

I prezzi del greggio estendono i guadagni, spinti dai dati Usa positivi. Il futures sul Brent guadagna lo 0,06% a USD 69,50 il barile, al Nymex il Wti Usa è in rialzo dello 0,25% a USD 67,01.

Euro Dollaro a 1,21

Dollaro stabile in vista dei dati sull’inflazione americana. Il cross euro/dollaro è a 1,2178, in calo di 0,11%; il cambio euro/yen è a 133,84 mentre il dollaro contro yen scambia a 109,9.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza i cookies.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.