Giappone interessante per natura ciclica del mercato

La view di Mirko Falchi, Advisory Portfolio Manager Euromobiliare Advisory SIM

Il Giappone è uno di quei paesi sviluppati che, insieme alla Cina e a parte dell’Asia, sono riusciti a gestire meglio l’uscita dalla prima fase della pandemia limitandone l’impatto sulla crescita economica.

Il Paese continua poi a beneficiare del supporto alla crescita offerto dalle manovre da parte del nuovo governo Suga e di una banca centrale che si è mostrata pronta a offrire il necessario supporto monetario.

Anche il recente accordo di partnership (RCEP) raggiunto all’interno dell’area asiatica potrebbe offrire supporto alla crescita economica.

Questi elementi, insieme alla natura ciclica del mercato, al rinnovato interesse e flussi da parte degli investitori, fanno del Giappone un’area interessante per il 2021. Senza dimenticare però i rischi ancora legati alla situazione sanitaria mondiale, alla dipendenza dalla Cina e alle dinamiche legate allo Yen (elementi questi ultimi che sono stati di supporto recentemente).

Per questi motivi, la nostra preferenza per puntare sulla ripresa economica e la reflazione va verso i Paesi emergenti dell’area asiatica e, tra i Paesi sviluppati, per l’Europa.

Il mercato nipponico è stato tra i più resilienti nella prima fase della crisi sanitaria. Ed è poi stato in grado di recuperare da marzo in poi le perdite chiudendo il 2020 con performance che lo pongono tra i migliori mercati internazionali.

La sua natura ciclica come detto, con una composizione settoriale che vede tra i principali settori quello degli industriali e dei consumi discrezionali, insieme alla presenza di aziende internazionali leader nei semiconduttori e nelle tecnologie, potrebbero rappresentare un punto di forza per l’azionario giapponese anche nel 2021. E consentirgli di beneficiare da uno scenario reflazionistico. Le valutazioni in termini di PE (Nikkei PE 25X Est.21 Topix PE 23X Est.21), sebbene non più a sconto come nel recente passato, restano interessanti.

Ma crediamo che i listini, per continuare nella propria ascesa, dovranno ora essere supportati da una dinamica positiva degli utili.

Con la prosecuzione della fase di ristrutturazione e miglioramento della corporate governance che potrebbe determinare un miglioramento del ROE delle aziende giapponese.

 

Advertisement