Home Dal mondo Inflazione marzo in Italia e Francia: attesi i dati finali

Inflazione marzo in Italia e Francia: attesi i dati finali

0
Inflazione marzo in Italia e Francia: attesi i dati finali

L’agenda macro odierna prevede in mattinata la riunione della banca centrale
turca sui tassi. In Italia e Francia sono in arrivo i dati finali sui prezzi al consumo
a marzo.

Nel pomeriggio occhi puntati sugli Stati Uniti, dove verranno pubblicati i dati settimanali sui sussidi alla disoccupazione ma anche le vendite al dettaglio e la produzione industriale. Nella carrellata di dati anche 2 indicatori anticipatori, l’Empire State Index e il Philly Fed Index che potrebbero, secondo alcuni esperti, confermare lo slancio dell’economia Usa.

Bankitalia pubblica il supplemento al bollettino statistico “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” di febbraio.

Confermato in Germania il dato preliminare dell’inflazione a marzo: +0,5% su
mese e +2% tendenziale per l’armonizzato EU, +0,5% e +1,7% per l’indice
nazionale.

Ieri a mercati chiusi il presidente Powell ha dichiarato che la Fed ridurrà gli
acquisti mensili di titoli “ben prima” di affrontare un aumento dei tassi di
interesse, sottolineando che l’economia Usa va verso una ripresa più forte nei
prossimi mesi. Il ‘Beige Book’ della Fed ha evidenziato che la ripresa statunitense
si è intensificata grazie alla crescente fiducia dei consumatori, con l’attività tra
febbraio e aprile spinta dalle vaccinazioni e dal massiccio stimolo fiscale.

Dollaro ai minimi da 4 settimane mentre calano i tassi dei Treasuries, con gli
investitori convinti dai messaggi ‘dovish’ della Fed che i tassi di interesse
resteranno bassi per un po’ di tempo.

Il cross euro/dollaro è a 1,1976, l’euro/yen scambia a 130,39, il dollaro quota a 108,88 yen. Stando ad un sondaggio svolto dalla BCE, i cittadini dell’area euro si aspettano che l’euro digitale, proposto da Francoforte, garantisca privacy e sicurezza. La banca centrale sta lavorando alla creazione di una versione elettronica di denaro per integrare banconote e monete nel tentativo di arginare la concorrenza delle criptovalute come Bitcoin, Tether e Diem proposto da Facebook.

Prezzi del petrolio poco mossi, con il futures sul Brent in lieve rialzo dello
0,15% a USD 66,70 il barile, al Nymex il Wti Usa +0,10% a USD 63,20.

Stamane il Bund future giugno ha aperto in calo di 15 tick a 170,72, il Btp
future cede 24 bp a 147,80. Lo spread Btp/Bund riparte da 105 pts, con il
rendimento del nostro Btp decennale allo 0,75%.

Apertura in lieve rialzo per le borse europee, con i principali indici EU e
Piazza Affari di poco sopra la parità nelle prime battute. In rialzo i titoli bancari
e le utilities, bene anche Stm, Moncler e Unipol. In calo invece Tenaris e
Telecom.

Borse asiatiche contrastate stamane, con l’indice Nikkei della borsa di Tokyo
chiude in lieve rialzo dello 0,07%, Hong Kong -0,63%, Shanghai -0,68%, Seoul
+0,38% e Sidney in rialzo dello 0,51%. Per il governatore di Bank of Japan
Kuroda la ripresa è in atto in Giappone, ma probabilmente sarà modesta per
via dell’incertezza legata al Covid. Il Paese è alle prese con una ripresa della
pandemia, con un numero record di infezioni nella regione di Osaka che ha
spinto le autorità a misure mirate di contenimento.

La banca centrale sudcoreana ha mantenuto invariati a minimi record i tassi di interesse, segnalando che è troppo presto per cambiare la direzione della politica
monetaria nonostante un maggior ottimismo sulla crescita.

Wall Street ha chiuso contrastata ieri, nel giorno che ha segnato l’inizio della
stagione delle trimestrali e dell’atteso debutto di Coinbase. Il Dow Jones ha
guadagnato lo 0,16%, l’S&P 500 ed il Nasdaq Composite hanno perso
rispettivamente lo 0,41% e lo 0,99%. Positivo il comparto energetico mentre
soffre quello tecnologico. Tra i titoli in evidenza Goldman Sachs +2,31%. La
banca d’affari ha annunciato un utile trimestrale superiore alle attese. JP
Morgan -1,75% i buoni risultati diffusi. Il titolo della piattaforma di scambio
delle criptovalute Coinbase +31,31% al debutto al Nasdaq.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza i cookies.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.