Da Suga e BoJ sinergie a supporto di economia e Borsa

Columbia Threadneedle Investments logo consulente finanziario

Intervista a Daisuke Nomoto, responsabile azionario giapponese di Columbia Threadneedle Investments e William Davies, Cio Emoa di Columbia Threadneedle Investments

Il Giappone è sempre stato un Paese orientato alla ripresa economica globale. Sarà così anche nel 2021 o il Paese riuscirà a fare meglio degli altri Paesi industrializzati grazie alla migliore gestione della pandemia?

La nostra aspettativa è che il lancio dei vari vaccini acceleri il “ritorno alla normalità” nei prossimi mesi. Di conseguenza, possiamo aspettarci che i miglioramenti dell’attività economica coincidano con misure fiscali di sostegno in tutto il mondo sviluppato, dato che i governi e le banche centrali si impegnano a fornire un sostegno economico continuo. Riteniamo che entrambi gli sviluppi creeranno opportunità di investimento selezionate in mercati più ciclici come quello giapponese.

 

Considerando che la sensibilità del Giappone al ciclo globale è superiore a quella della maggior parte dei paesi, l’economia dovrebbe essere uno dei principali beneficiari della ripresa globale sincronizzata nel 2021, con l’aspettativa di una ripresa della crescita degli utili aziendali a livello nazionale. Il recente aumento dei principali indicatori e delle revisioni degli utili segnala una ripresa della domanda globale che si rivelerà un ulteriore fattore favorevole per il Giappone, poiché l’economia è orientata alla domanda globale di beni durevoli – chiave per le esportazioni.

Le riserve di liquidità delle corporate

Dato il consistente pacchetto di stimoli fiscali del Giappone in risposta al COVID-19 (2,2 trilioni di dollari = ~40% del PIL giapponese) i problemi di liquidità sono stati efficacemente attenuati, poiché siamo più fiduciosi che le imprese e le famiglie giapponesi saranno mantenute a galla. Sul fronte della politica monetaria, ci aspettiamo che la Banca del Giappone mantenga la sua politica monetaria estremamente espansiva per tutto il 2021. Inoltre, le imprese giapponesi hanno enormi riserve di liquidità nei loro bilanci, che hanno dato un ulteriore impulso al mercato.

Ciò consente alle aziende giapponesi di mantenere o aumentare i rendimenti degli azionisti e fornisce un forte supporto per effettuare acquisizioni. Con le aziende giapponesi che hanno aumentato il loro payout ratio di dividendi e di riacquisto di azioni nell’ultimo decennio, possiamo aspettarci un riavvio di questi programmi di riacquisto e un aumento dei dividendi una volta che i vaccini saranno ampiamente disponibili.

 La gestione della pandemia

Abbiamo visto il Giappone gestire relativamente bene la situazione COVID-19 con un numero di morti pro capite pari solo all’1-2% di quello dei Paesi più gravemente colpiti. Mentre il numero di casi COVID è aumentato di recente, possiamo aspettarci che i numeri comincino a diminuire date le fluttuazioni dell’attività economica interna, che in Giappone è stagionalmente bassa da gennaio e febbraio.

Nomoto_Daisuke_ColumbiaThreadneedle_LR

I principali indici della Borsa di Tokyo hanno fatto segnare forti rialzi dopo il sensibile calo di marzo 2020. Credete che l’equity nipponico sarà in grado di offrire performance anche nel 2021?

In Giappone, Yoshihide Suga, il successore del premier Shinzo Abe, rappresenta decisamente il candidato della continuità. Si è espresso positivamente sulla continuazione del percorso che ha visto il paese abbracciare la corporate governance e le riforme normative, la trasformazione digitale e un contesto più appetibile per turisti e lavoratori stranieri. L’economia giapponese è significativamente esposta all’industria, soprattutto agli investimenti cinesi, il che ci induce a formulare prospettive più rosee per le azioni nipponiche in vista della ripresa, anche se le dinamiche demografiche del Giappone continuano a rappresentare un ostacolo.

 

Rocki Gialanella
Laurea in Economia internazionale presso l’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’. Ho abbracciato il progetto FondiOnline.it nel 2001 e da allora mi sono dedicato allo sviluppo/raggiungimento del target che ci eravamo prefissati: dare vita a un’offerta informativa economico-finanziaria dal linguaggio semplice e diretto e dai contenuti liberi e indipendenti. La storia continua con FONDI&SICAV.
Advertisement