I rendimenti in valuta forte sono attraenti

0
3
J.P. Morgan AM

Intervista a Michael Biggs, Economista e Investment Director di GAM Investments e  Richard Briggs, Investment Manager di GAM Investments

GAM sullo tsunami coronavirus

Credete che l’attuale rendimento cedolare offerto dalle obbligazioni emergenti sia in grado di compensare i rischi che un investitore si accolla con la sottoscrizione di strumenti dedicati a questi bond?
Michael Biggs

I rendimenti dei titoli di Stato in valuta locale dei mercati emergenti sono ben al di sotto delle medie storiche. Ma crediamo che rimangano interessanti per gli investitori per due motivi.

In primo luogo, il rischio principale per il debito in valuta locale deriva dalla debolezza del cambio. E crediamo che questi rischi dovrebbero essere più bassi del solito al momento, poiché le valute dei mercati emergenti beneficeranno probabilmente della crescita globale, di un dollaro più debole e di solidi fondamentali della bilancia dei pagamenti.

Se gli investitori rimangono diffidenti nei confronti di questi rischi di cambio, essi possono essere coperti a un prezzo molto basso. Le curve di rendimento dei mercati emergenti non sono così ripide dal 2010.

I rendimenti in valuta forte sono altrettanto attraenti. I titoli sovrani dei mercati emergenti investment grade offrono un rendimento superiore dell’1% rispetto ai loro omologhi del credito societario. E nello spazio high yield lo spread è prossimo al 3%.

In euro il divario è ancora maggiore. Il credito dei mercati emergenti sembra a buon mercato. E pensiamo che lo spread compensi più che bene gli investitori per i rischi inerenti all’asset class.

Detto questo, nella fase attuale, con l’incombenza della pandemia e con il deterioramento delle metriche fiscali ed esterne di molti dei titoli sovrani a più alto rendimento nel credito emergente nell’ultimo decennio, la selezione dei nomi è ancora più importante di quanto non lo sarebbe normalmente.

In questa fase di mercato, quali em bond (per Paesi, affidabilità creditizia, valuta) ritenete opportuno sovrapesare nei vostri portafogli e quali sottopesare?
Richard Briggs

Sul fronte della valuta locale, stiamo sovrappesando i Paesi che hanno solidi fondamentali della bilancia dei pagamenti e che probabilmente beneficeranno maggiormente del rimbalzo della crescita globale.

Tra questi figurano il Messico e l’Indonesia. Di contro, sottopesiamo i Paesi più vulnerabili ai rischi politici, come la Turchia e la Russia.

Sul fronte della valuta forte, tendiamo a preferire i titoli sovrani ad alto rendimento che stanno facendo gli aggiustamenti necessari per migliorare i loro fondamentali, o dove i buffer sotto forma di riserve in valuta estera sono abbastanza elevati e stabili da sopportare gli shock.

Alcuni esempi di questi sovrappesi nell’high yield includono Angola, Ucraina, Pakistan e Costa d’Avorio, per citarne alcuni, dove pensiamo che le valutazioni compensino i rischi e la probabilità di sovraperformance è alta.

Stiamo sottopesando il credito dove è vero il contrario. Oman, Nigeria e Romania sono esempi chiave di sottopeso nei portafogli di credito emergente dove crediamo che il persistente deterioramento dei fondamentali continuerà nei prossimi anni e che tali rischi non siano pienamente prezzati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here