Home In evidenza Inflazione aumenterà solo gradualmente nei prossimi 12-18 mesi

Inflazione aumenterà solo gradualmente nei prossimi 12-18 mesi

0
Inflazione aumenterà solo gradualmente nei prossimi 12-18 mesi

Intervista a Lorenzo Pagani, Responsabile del team di gestione dei portafogli governativi europei di PIMCO

PIMCO

Quali asset class ritenete sia opportuno detenere in portafoglio per proteggersi al meglio dal potenziale arrivo di una fase caratterizzata da rialzi dell’inflazione?
Lorenzo Pagani

Il mercato non ha raggiunto un orientamento univoco sul riemergere dell’inflazione. Pertanto il profilo di rendimento è asimmetrico visto che il mercato non sconta un premio sufficiente per il rischio d’inflazione.

Anche senza che gli investitori prendano posizione sulla direzione dell’inflazione futura, la probabilità di maggiore volatilità dei prezzi introdotta dal poderoso quantitative easing della banca centrale dovrebbe aumentare il valore di convessità delle obbligazioni indicizzate all’inflazione in ragione dell’opzione incorporata.

Infine, le obbligazioni indicizzate all’inflazione presentano un insieme unico di caratteristiche di rendimento, rischio e correlazione che differiscono dalle obbligazioni convenzionali.

I portafogli pertanto possono beneficiare della maggiore diversificazione che deriva da una combinazione di obbligazioni nominali e indicizzate all’inflazione migliorando così il profilo di rischio/rendimento.

Credete che l’eventuale rialzo dell’inflazione sia solo temporaneo o rappresenterà la nuova normalità in una fase post-pandemia permeata da tassi di crescita dei Pil in accelerazione e necessità di gestire debiti pubblici molto elevati?

Il dato di gennaio dell’inflazione nell’Area Euro, misurata sull’Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo (IAPC), ha sorpreso per il netto rialzo e scatenato il dibattito sul rischio d’inflazione.

Analizzando in particolare il dato dell’inflazione tedesca, riscontriamo che la sorpresa al rialzo è attribuibile soprattutto a fattori una tantum, come lo scadere della riduzione dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) e il cambiamento dei pesi delle diverse componenti del paniere.

Siamo convinti che le vaccinazioni contro il COVID-19 stiano portando l’economia sul sentiero della ripresa. Ma crediamo altresì che la ripresa richiederà tempo e sarà disomogenea.

Prevediamo che il PIL europeo tornerà ai livelli normali pre-pandemia nel 2022, non quest’anno. Con un tale passo lento verso la normalizzazione, ci aspettiamo che l’inflazione resti contenuta e cresca solo gradualmente nei prossimi 12-18 mesi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza i cookies.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.