La diffusione dei vaccini apre un’opportunità sugli spread degli Em bond

0
6

Da preferire i bond sovrani di frontiera e i corporate bond HY per via della bassa duration e della minore correlazione con i Treasury. Edwin Gutierrez, responsabile emerging market sovereign debt, Aberdeen Standard Investments

 

Credete che l’attuale rendimento cedolare offerto dalle obbligazioni emergenti sia in grado di compensare i rischi che un investitore si accolla con la sottoscrizione di strumenti dedicati a questi bond?

 

Le obbligazioni sovrane dei mercati emergenti sono rimaste indietro rispetto alle obbligazioni high yield USA del 6% YTD, con un allargamento degli spread di poco più di 50 punti base tra le due asset class.

Questo è comprensibile alla luce dell’ampliamento della campagna vaccinale e del significativo stimolo introdotto, che ha portato l’economia americana a sovraperformare il resto dell’economia globale.

Tuttavia, pensiamo che, nel corso dell’anno il vantaggio degli Stati Uniti comincerà a svanire, man mano che il resto del mondo si metterà al passo con la distribuzione dei vaccini, permettendo a un numero maggiore di paesi di eliminare le restrizioni alla mobilità sociale e riaprire le loro economie.

 

Oggi siamo probabilmente nell’occhio del ciclone con la pandemia in un certo numero di grandi paesi EM, per esempio Brasile, India e Turchia.  Tuttavia, la maggior parte dei grandi paesi EM ha già procurato quantità significative di vaccini per coprire una larga parte delle loro popolazioni.

 

Il roll-out di questi vaccini accelererà nei prossimi mesi, il che permetterà a queste economie di aprirsi nel H2.  Questo dovrebbe mettere gli asset EM in buona posizione per giocare a rimpiattino.

In questa fase di mercato, quali em bond (per Paesi, affidabilità creditizia, valuta) ritenete opportuno sovrapesare nei vostri portafogli e quali sottopesare?

 

Continuiamo a preferire le obbligazioni ad alto rendimento rispetto alle obbligazioni investment grade dei mercati emergenti, poiché sono meno suscettibili al potenziale ulteriore aumento dei rendimenti dei Treasury USA.

 

In particolare, preferiamo le obbligazioni sovrane di frontiera e le obbligazioni corporate high yield emergenti, in quanto hanno una duration più breve e hanno storicamente mostrato una bassa correlazione con i Treasury USA.

 

Riteniamo inoltre che vi sia valore in alcuni mercati obbligazionari in valuta locale in cui le curve si sono accentuate a causa dei timori relativi all’aumento dell’inflazione a livello fiscale.  Riteniamo che le recenti pressioni inflazionistiche siano dovute principalmente ai prezzi di alimentari e carburanti e che saranno in gran parte transitorie.

 

Inoltre, le prospettive fiscali dei paesi emergenti saranno migliori nel secondo semestre con le riaperture e la ripresa delle economie, mentre i trasferimenti legati alla COVID-19 saranno ridotti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here