La forza sorprendente della ripresa del Regno Unito

Ci saranno più ondate di recupero in tutti i settori con il miglioramento graduale della situazione pandemica. Richard Watts, co-head of strategy UK small & mid cap di Jupiter AM

Quello che ora è noto come il “lunedì di Pfizer” (9 novembre 2020), quando sono stati annunciati gli esiti positivi della sperimentazione del vaccino Pfizer/BioNTech, ha creato la scena per una ripresa dei titoli che erano stati maggiormente colpiti dalla pandemia.

Ma la dinamica del mercato da allora è stata dominata da più che semplici titoli del settore alberghiero e del tempo libero, allargandosi ai titoli ‘value’, industriali e altri.

Finora nel 2021 le azioni in ritardo erano state quelle vincenti nel 2020, ma mentre qualche aggiustamento nei portafogli è stato ovviamente giustificato, ora è il momento per gli investitori di fidarsi dell’analisi fondamentale e di non passare semplicemente da un momentum trade all’altro.

Indipendentemente dalle tendenze del mercato, se le aziende possono realizzare il loro potenziale di fatturato nel tempo, allora questo si rifletterà in prezzi azionari più alti.

Declassamenti eccessivi nel 2020

Guardando i dati in dettaglio, è possibile che si scoprano aree in cui il declassamento dei titoli può essere stato esagerato. Ad esempio, mi piace guardare i dati sulle vendite al dettaglio del British Retail Consortium (BRC).

Non preoccupiamoci nemmeno di confrontare le cifre con il 2020, data la massiccia distorsione dell’anno scorso, ma in particolare nell’aprile di quest’anno i dati delle vendite al dettaglio totali del BRC sono cresciuti del 7% rispetto al 2019 – che include una crescita delle vendite comparabili del 25% nel retail non alimentare, con ancora molti negozi chiusi nell’aprile 2021.

Vale anche la pena sottolineare che le vendite al dettaglio online stanno ancora crescendo del 20% su base annua, anche tenendo conto di quello che ci si potrebbe aspettare sia stato un boom della spesa online nei mesi successivi all’inizio del lockdown nella primavera del 2020.

Questo dovrebbe essere incoraggiante per gli investitori nei titoli di vendita al dettaglio online, molti dei quali sono stati significativamente declassati quest’anno mentre il mercato guarda altrove per la crescita, e in alcuni casi sono sulle loro valutazioni più basse da anni, ma con quel sostegno proveniente dalle forti vendite.

Altrove, sarà interessante nelle prossime settimane vedere quanto bene si riprenderà l’industria della ristorazione, dato che solo questa settimana è stato permesso ai clienti britannici di mangiare di nuovo all’interno.

La ripresa dell’industria dei viaggi è ancora più indietro, dato che solo un numero molto limitato di paesi è sulla lista dei viaggi “approvati” del Regno Unito.

La forza della ripresa

In generale, ciò che mi ha davvero colpito è la forza della ripresa del Regno Unito e, oltre ai dati sulle vendite al dettaglio, la disoccupazione ne è un altro esempio.

I piani di cassa integrazione hanno sostenuto bene i posti di lavoro, e i dati dell’HM Revenue & Customs – responsabile della raccolta, del pagamento, dell’amministrazione e dell’applicazione delle tasse – mostrano ora cinque mesi consecutivi di aumento dell’occupazione.

Questo suggerisce che qualsiasi previsione secondo cui la disoccupazione potrebbe salire al 6% nel corso di quest’anno (dal 4,8% alla fine di marzo) è probabilmente infondata e che il quadro occupazionale sembra molto più forte di quanto molti temessero.

Tutto questo crea la scena per un contesto positivo per i mercati azionari del Regno Unito nei prossimi mesi, e forse i cambiamenti stilistici degli ultimi mesi hanno lasciato delle opportunità nella loro scia.

Advertisement