Le prossime rotazioni tra segmenti equity saranno legate a fattori Esg

state street global advisor logo

 

I nuovi vincitori e i nuovi perdenti potrebbero essere determinati dalla crescente attenzione per il clima. Esther Baroudy, senior portfolio manager azionario globale, State Street Global Advisors

Le rotazioni sono la linfa vitale delle fasi bullish di un mercato e sembra che questo movimento stia interessando l’equity Usa da qualche mese. Ritenete che questo trend sia destinato a proseguire?

Solitamente le rotazioni nei settori ciclici hanno luogo quando i mercati azionari diventano fiduciosi che il percorso futuro della crescita economica sia agevole. I settori economicamente più sensibili sono quindi considerati come una scommessa più sicura. Questi settori sono anche considerati positivamente a causa della percezione di una maggiore leva della redditività rispetto alle vendite future.

Da qui, la sovraperformance relativa di finanziari, energia e materiali rispetto all’information technology nei primi mesi di quest’anno. Tuttavia è intervenuto l’aumento dell’inflazione, che mette sotto pressione i costi inducendo i mercati azionari a rivalutare il loro sentiment verso i titoli dei settori ciclici.

Con l’avanzare dell’anno, l’attenzione per il clima aumenterà, culminando nel meeting COP26 di novembre.  I nuovi obblighi di comunicazione sia relativi al clima che agli altri fattori ESG potrebbero determinare diversi tipi di rotazione.  Questo renderà anche indispensabile condurre analisi più approfondite per capire chi siano i nuovi
vincitori e i nuovi perdenti.

Esther Baroudy, Ssga

Errori nella comunicazione da parte della Fed, accelerazione improvvisa dell’inflazione, dati deludenti del mercato del lavoro. Quali di queste variabili credete sia in grado di provocare una seria battuta d’arresto a Wall Street? 

Un’accelerazione dell’inflazione che costringesse la Federal Reserve ad avviare una stretta monetaria inaspettatamente “dura” sarà probabilmente lo scenario più difficile da gestire per Wall Street. Un aumento improvviso e inaspettato del tasso _risk free_ comporterebbe a sua volta un aumento del fattore di sconto per i flussi di cassa pluriennali.

Molti analisti di Wall Street guardano ai flussi di cassa scontati come mezzo per valutare le azioni e un fattore di sconto più alto si tradurrebbe in una diminuzione dei flussi di cassa. Questo innescherebbe probabilmente una fase di declino nella maggior parte dei
mercati azionari.

Advertisement