Quattro messaggi chiave per il resto del 2021

Outlook di metà 2021 di Allianz Global Investors: nel periodo post-Covid, sarà l’inflazione a preoccupare gli investitori?

Nel boom post-Covid, gli investitori dovranno destreggiarsi fra economie con traiettorie divergenti, valutazioni elevate e aumento dell’inflazione.

Implicazioni per gli investimenti

Nel complesso, l’economia ha riacquistato slancio, dando impulso ai mercati finanziari, anche se la crescita resterà probabilmente sotto il livello tendenziale pre-Covid per qualche anno. Inoltre, questo boom economico e dei mercati non è privo di conseguenze, e gli investitori dovrebbero tenere conto dei possibili interventi dei decisori politici.

Un incremento dell’inflazione quest’anno (e potenzialmente anche in seguito), rende importante preservare il potere di acquisto con fonti supplementari di rendimento. – La Federal Reserve statunitense prevede di alzare leggermente i tassi nel 2023 in risposta a dati economici più forti del previsto e all’aumento dell’inflazione. I mercati potrebbero diventare più volatili a seconda di come queste mosse saranno annunciate e implementate.

Siamo ancora orientati verso gli asset rischiosi, anche se con la dovuta cautela. Quindi non crediamo che gli investitori debbano eliminare il rischio in portafoglio, ma piuttosto considerare un posizionamento più neutrale lungo lo spettro dei vari livelli di rischio/rendimento, almeno nel breve periodo.

 

Tenere d’occhio l’inflazione in questo contesto di “tassi bassi ancora più a lungo”.

 

Implicazioni per gli investimenti

Reddito fisso: Privilegiamo le duration corte. Molti titoli obbligazionari sono onerosi, non solo quelli governativi: le obbligazioni investment grade e high yield presentano valutazioni elevate. Se i mercati obbligazionari inizieranno a temere l’inflazione e un possibile intervento delle banche centrali, i rendimenti potrebbero salire (e i prezzi scendere). In un simile contesto gli investitori vorranno gestire attivamente le proprie posizioni, e il calo dei prezzi potrebbe anche rappresentare un’opportunità. La ricerca di rendimento resta una sfida nell’attuale contesto di tassi bassi.

Azioni: La liquidità iniettata dalle banche centrali e la generale propensione al rischio (“risk-on”) hanno spinto al rialzo i prezzi azionari. I titoli USA sono costosi (forse si sta già formando una bolla) e i prezzi potrebbero gonfiarsi ancora nei prossimi 6-12 mesi. Le azioni europee e asiatiche sono più convenienti, anche rispetto alle medie storiche.

Al momento prediligiamo lo stile “value” rispetto a quello “growth”, ma nel lungo periodo anche i titoli tecnologici avranno un ruolo di rilievo. Per affrontare al meglio le incertezze future, gli investitori potrebbero puntare sulle società che adottano pratiche sostenibili, ad esempio con riferimento alle questioni ESG (ambientali, sociali e di governance).

 

Battute d’arresto dell’azionario cinese: un’opportunità per ricostituire posizioni a lungo termine

 

Implicazioni per gli investimenti

Nel breve periodo non escludiamo un ulteriore consolidamento dei mercati azionari cinesi. Dopo il rally significativo dello scorso anno alcune prese di profitto sarebbero del tutto naturali. Inoltre, l’abbondante liquidità potrebbe iniziare a diminuire dato che Pechino sta prendendo caute misure per normalizzare la politica monetaria.

Riteniamo che la recente battuta d’arresto servirà a gettare fondamenta più solide per il futuro. Ma la selettività è d’obbligo, e in questo senso i fattori ESG possono rappresentare un ottimo filtro per individuare le società che continueranno a prosperare nel contesto attuale. Nell’area del reddito fisso, le obbligazioni “onshore RMB” (i titoli di debito scambiati nella Cina continentale e denominati in CNY- Chinese Yuan Renminbi) offrono un’interessante opportunità agli investitori internazionali.

Grazie anzitutto a rendimenti più elevati rispetto a quelli dei bond di altri Paesi, ma anche al potenziale di diversificazione determinato dalla scarsa correlazione con altre asset class. Gli investitori possono inoltre beneficiare dei trend a lungo termine dei bond cinesi.

Ad esempio, il mercato obbligazionario della Cina è il secondo al mondo per dimensioni e sempre più indici di riferimento internazionali integrano anche titoli cinesi. Il crescente interesse degli investitori può consentire ai titoli appena inseriti un rapido apprezzamento.

A lungo termine vediamo ancora valide ragioni per investire in Cina. Si tratta naturalmente di un’asset class relativamente volatile, quindi è importante adottare un orizzonte di lungo periodo e valutare la tolleranza ad eventuali drawdown.

 

Investimenti sostenibili, il nuovo standard

Implicazioni per gli investimenti

Nell’era post pandemia, molti governi si stanno impegnando a “riscostruire meglio” puntando in particolare su aree come le infrastrutture verdi e cercando di rimediare alle disuguaglianze sociali. La maggiore cooperazione globale sul cambiamento climatico e su altre questioni fondamentali darà inoltre vita a una serie di progetti che richiederanno fondi.

Integrare i fattori ESG nel consueto processo decisionale per testare la resilienza delle società in un contesto critico e per promuovere il cambiamento su questioni urgenti. – Considerare la possibilità di investire in linea con uno o più obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite.

Le 17 aree prese in considerazione dagli SDG rappresentano una call to action ad affrontare problemi importanti che interessano la collettività, ma anche potenziali opportunità di mercato del valore di USD 12.000 miliardi.2 Ciò comprende gli investimenti mirati alle implicazioni del cambiamento climatico sul nostro pianeta, che rientrano ad esempio negli ambiti acqua pulita e sicurezza alimentare.

Esplorare le opportunità di crescita dei green bond: la pandemia e la spesa per le infrastrutture verdi potrebbero favorire nuove emissioni. – Diversi investitori istituzionali puntano sull’impact investing nei private markets, in aree come le infrastrutture per le rinnovabili e la finanza per lo sviluppo. È un modo estremamente efficiente per promuovere una crescita inclusiva e sostenibile nei mercati emergenti e di frontiera

Advertisement