Home Copertina Franklin Templeton, healthcare: innovazione ai massimi storici

Franklin Templeton, healthcare: innovazione ai massimi storici

0
Franklin Templeton, healthcare: innovazione ai massimi storici

Un’interessante ed elaborata descrizione di alcune delle tecnologie principali viene fornita da Evan McCulloch e Wendy Lam, portfolio managers del Franklin Biotechnology Discovery Fund di Franklin Templeton, che si concentra in particolare su due filoni di ricerca.

«Siamo entusiasti della biotecnologia nel 2021, poiché l’innovazione è ai massimi storici. La disruption continua a progredire a un ritmo rapido, guidata da investimenti di lungo termine nella scienza e da un ambiente favorevole all’imprenditorialità.

Nuove scoperte scientifiche stanno raggiungendo nuovi traguardi nello sviluppo di farmaci e i progressi in nuove modalità farmacologiche, come la terapia genica e la terapia cellulare, hanno fornito approcci nuovi e altamente efficaci per il trattamento di varie malattie.

Due classi terapeutiche che sono state particolarmente innovative e dirompenti negli ultimi anni sono la terapia con Adoptive T-Cell per il cancro e l’oncologia di precisione».

Possibili scoperte rivoluzionarie

McCulloch si concentra su possibili scoperte rivoluzionarie in malattie particolarmente complesse da trattare: «Ci aspettiamo di vedere importanti progressi in alcune categorie che trasformeranno lo standard di cura per molte affezioni difficili da curare. Il concetto di immunoterapia contro il cancro implica lo sfruttamento del potere del sistema immunitario del paziente di identificare e distruggere le cellule tumorali. Questa tecnologia ha dimostrato di essere altamente efficace in alcuni tipi di tumore, determinando remissioni durature in alcuni pazienti. Sono disponibili diversi tipi di immunoterapia, ma una di cui siamo particolarmente entusiasti è quella con Adoptive T-Cell. Ciò comporta l’uso di cellule immunitarie o cellule T, che sono raccolte dal paziente o in alcuni casi da donatori sani, che vengono modificate e quindi espanse prima di essere reinfuse nel malato. Siamo entusiasti di queste terapie cellulari, perché alcune sono state in grado di generare remissioni di lunga durata in pazienti difficili da trattare per i quali non hanno funzionato diverse linee di cura e che non hanno altre opzioni di trattamento disponibili. La maggior parte dei prodotti in sviluppo si è concentrata sui tumori ematologici e sul melanoma, ma siamo ottimisti sul fatto che la terapia cellulare possa essere utilizzata per affrontare anche altri tumori solidi come il cancro ai polmoni».

Interessante l’oncologia di precisione

Incredibilmente interessante appare anche il discorso sull’oncologia di precisione, che sta traghettando la farmacologia verso l’era dei trattamenti personalizzati. Precisa Wendy Lam: «I farmaci oncologici di precisione sono progettati per mirare a specifiche mutazioni o alterazioni geniche note per causare determinati tipi di cancro. Questa è una forma di medicina personalizzata: il tessuto tumorale di un malato di cancro viene testato per la presenza di eventuali mutazioni del driver noto, in modo che il trattamento possa essere adattato specificamente per quel paziente, a condizione che siano disponibili farmaci per indirizzare quelle specifiche mutazioni. L’oncologia di precisione non è un concetto nuovo: negli ultimi due decenni sono stati disponibili diversi farmaci oncologici di precisione per determinati tipi di tumore. Tuttavia, di recente abbiamo assistito a un aumento del numero di nuovi farmaci che sono ancora più efficaci e meglio tollerati rispetto alle opzioni esistenti. Inoltre, diverse aziende hanno sviluppato piattaforme innovative per progettare nuovi farmaci che abbiano come obiettivo quelle nuove mutazioni che erano difficili da prendere di mira con le tecnologie precedenti. Queste nuove piattaforme non si concentrano solo su complessi biologici come anticorpi monoclonali e coniugati farmaco-anticorpo, ma stiamo anche assistendo a molte innovazioni nella scoperta di medicinali a piccole molecole per l’oncologia.In particolare, siamo entusiasti dei molti nuovi farmaci oncologici di precisione che emergono per alcuni tipi di tumore come il cancro del polmone, il cancro al seno e il cancro stromale gastrointestinale».

leggi il numero 132 di Fondi&Sicav magazine

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza i cookies.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.