Mercati azionari: la sorpresa Italia

0
7

Uno dei mercati europei che si sono mossi meglio è stato l’Italia, nonostante i suoi problemi strutturali. Secondo gestori e analisti, il trend favorevole potrebbe proseguire ancora.

Da una parte aiutano molto quotazioni a sconto rispetto alle altre piazze, dall’altra il Recovery fund dovrebbe fornire una base di nuovi investimenti molto importante. Inoltre si può contare sulle solite small e mid cap, che esprimono al meglio il dinamismo del Paese e sono state definite «multinazionali tascabili»

Se il 2020 è stato l’apoteosi del growth, con un focus ossessivo sulle mega-cap tecnologiche americane e asiatiche, gli ultimi mesi dell’anno passato e il primo trimestre del 2021 hanno visto la prima vera rotazione (in fondo modesta, se considerata in prospettiva storica) verso comparti più ciclici e tipicamente value.

In questo beta play, tutto sommato non sorprende di trovare fra le piazze che meglio hanno performato Milano. Il primo trimestre del 2020, infatti, si è chiuso con un total return del Ftse Mib di qualche decimale sotto la soglia di +11%. Si tratta di un valore di poco superiore al Dax 30, non a caso un altro benchmark pieno di azioni cicliche, e di un punto abbondante sopra il Cac 40.

Le tre principali economie dell’Eurozona si trovano dunque in posizione di leadership quanto a performance azionarie a livello globale in un anno che avrebbe dovuto invece caratterizzarsi per il tripudio dell’Asia, notoriamente la zona del mondo che ha meglio retto l’impatto e la gestione della pandemia di Covid.

La scommessa su cui gli investitori hanno deciso di puntare è incentrata su uno scenario di ripresa dell’economa europea, grazie al processo di vaccinazione che dovrebbe portare a un graduale ritorno alla normalità.

continua leggi il numero 133 di Fondi&Sicav magazine

Previous articleL’argento continua a brillare
Next articleFed: attesa per il termine della riunione
Nato a Bologna nel 1974, a Milano ho completato gli studi in economia politica, con una specializzazione in metodi quantitativi. Ho cominciato la mia carriera come broker di materie prime negli Usa, per poi proseguire come trader sul forex. Tornato in Italia ho partecipato come analista e giornalista a diversi progetti. Sono in FONDI&SICAV dalla sua fondazione, dove opero come Responsabile dell'Ufficio Studi. I miei interessi si incentrano soprattutto sul mondo dei tassi di interesse e del reddito fisso, sulla gestione del rischio di portafoglio e sull'asset allocation.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here